L'Abbecedario della Corona Buona​

La corona buona di fiori e colori

riempiva ogni luogo e tutti i cuori,

sua sorella invece era assai cattiva,

di grigio ove andava tutto riempiva.

Nel Bel Paese passò per prima,

creando invero una pantomima,

delle sorelle quella cattiva

che delle due era più aggressiva.

Dentro le case rinchiuse i bambini

era proibito andare ai giardini

rinchiuso ognuno nel suo appartamento

nei cuori lei mise l’avvilimento.

Qualcuno però a Madre natura

guardava da dentro le quattro mura.

I cuori buoni coi loro pensieri

dal sonno destaron della Buona i guerrieri.

Artisti e poeti si misero all’opra

creando bellezza di sotto e di sopra

chi con i versi, chi con le note,

chi coi colori secondo sua dote.

Ognuno di essi pensò a quei bambini

a cui mancavano il verde, i giardini,

pensavano a come sconfiggere il grigio

che ogni cuore rendeva assai bigio.

Ciascuno di loro nel suo diario

scelse una lettera dell’abbecedario

affinché in rima ogni lettera buona

così celebrasse la giusta corona.

Con allegria, amore  e passione

gli artisti vi mandano un abbraccione

che la corona cattiva bastona

narrando le storie della corona Buona.

Descrizione del progetto Corona Buona

L’Abbecedario della Corona Buona è un libro speciale che contiene ventuno composizioni letterarie, una per ogni lettera dell’alfabeto, le illustrazioni di Lino Stefani e le musiche di Edoardo Catemario. 

E’ nato pensando ai bambini di tutta Italia, chiusi in casa per la pandemia, ed è il contributo di 21 artisti italiani per fare in modo che il ricordo di questo periodo non sia legato esclusivamente alla sensazione di avvilimento ma possa incoraggiare tutti i bambini a fare altrettanto e volare alto con la fantasia superando i limiti imposti, i muri, le gabbie, le catene. 

Questo progetto è la testimonianza che anche la più difficile delle esperienze può essere trasformata in qualcosa di buono. Gli artisti, persone specialmente sensibili, trasformano anche il periodo di “prigionia” in qualcosa di buono. Ciò che è buono è fatto per gli altri.

L’iniziativa nasce dall’intuizione del musicista Edoardo Catemario e dall’entusiasmo della poetessa Antonetta Carrabs. Il libro si avvale dei contributi di:

Dina Turco, Vittorio Zanella, Angela Andolfo, Silvia Messa, Iride Enza Funari, Elisabetta Orelli, Roberto del Gaudio, Lino Stefani, Deborah Catemario, Massimo Montresor, Cristina Ferrini, Chiara Gelmetti, Ilaria Cenci Campani, Elisabetta Motta, Antonetta Carrabs e Edoardo Catemario.

Il libro racchiude filastrocche buffe, storie incredibili e poesie: c’è l’Amico, Brunella la farfalla, Foglia, Estate, Teodolinda, Ninna nanna mamma, Zuqqa e la storia del brodo di zucca…. Le pagine si arricchiscono delle bellissime illustrazioni di Lino Stefani, che ha fatto confluire in questo libro in particolare 30 anni di illustrazioni.

La raccolta di musiche di Edoardo Catemario va dal dixie jazz, alla salsa cubana, alla ballata lombarda alla tarantella. Le canzoni ricordano quelle dello Zecchino d’Oro degli anni settanta. Ringraziamo per la collaborazione i musicisti: Sara Sol, Peppe Frana, Antonello Iannotta e il suo tamburello e il sax di Daniele Sepe.

La finalità di questa iniziativa è anche quella di contribuire alla costituzione di un fondo da destinare ai bambini che hanno perso un famigliare medico o operatore sanitario (volontari inclusi) a causa del Covid-19 pagando così un prezzo altissimo.

E’ un modo per testimoniare un abbraccio da parte degli italiani, gente di cuore e di cultura, e far sentire che la perdita non è stata inutile e noi sappiamo essere grati.

L’iniziativa nasce in collaborazione con Zeroconfini Onlus www.zeroconfini.it